domenica 4 settembre 2011

Come fotografare le proprie creazioni...


Internet è un ottimo strumento per comunicare e ogni artigiano può trovare giovamento nel condividervi il proprio lavoro.

Una forte limitazione, soprattutto quando si parla di vendita, è data dall'impossibilità di “toccare con mano”, è quindi chiaro il ruolo decisivo svolto dalle fotografie; una brutta foto, mossa, con uno sfondo disordinato, con un cattivo bilanciamento dei colori pregiudicherà irrimediabilmente il valore di un'opera.

Un esempio vale più di mille parole.


In questa fotografia, il soggetto è tagliato male, i colori sono cupi, ci sono troppe zone d'ombra.
La foto è un po' sfocata, segno che non è stata utilizzata la funzione Macro.


Questa fotografia sembra buona, ma non lo è. Il bianco di fondo “spara” troppo, i colori del tessuto risultano sfalsati, i contorni in alto e a destra sono “bruciati” dall'eccesso di luminosità.


Questa fotografia è nettamente migliore delle altre:
è ben a fuoco, il colore risulta vivido e al contempo naturale, lo sfondo non disturba in alcun modo. Certo non è perfetta, visto (ad esempio) il taglio sbagliato dell’inquadratura.                                       

Per ottenere una buona foto devi tener conto di alcuni fattori:

Lo Sfondo deve essere in primo luogo ordinato: uno sfondo caotico distoglie l’attenzione dal soggetto “protagonista” .
Una base contrastante è senz’altro da preferirsi: chiara se si fotografa un oggetto scuro e viceversa.
Questo non significa fotografare ogni articolo su una base bianca o nera, l'importante è far sì che lo sfondo valorizzi e non disturbi. Quando avremo sfruttato al massimo il potenziale di drappi o cartoncini in tinta unita e ci sentiremo più sicuri delle nostre “abilità fotografiche”, potremo osare degli scatti ambientati: un prato, una tavola di legno consumata dal mare, un piatto di sabbia, uno specchio, sono solo alcune delle possibili superfici da sperimentare.



In queste altre, tratte dal bellissimo blog di Rosi Jo si può notare quanto uno scatto ambientato ben realizzato, sia esso realizzato in interno o all'esterno, riesca a valorizzare un lavoro:

 

 


La Luce. E’ possibile utilizzare la luce naturale così come quella artificiale, nonostante la prima sia da preferirsi alla seconda.
Nel caso in cui sia possibile beneficiare dell’illuminazione naturale è necessario posizionare il nostro set (sfondo/ambientazione e soggetto) in una zona d’ombra ben illuminata, ossia non direttamente in pieno sole.
Le giornate nuvolose e le ore antecedenti il tramonto sono da preferirsi, questo perché una luce diffusa permette di ottenere risultati ottimali.
Nel caso in cui ci si veda costretti a fotografare all’ interno,  è preferibile non utilizzare luci dirette.
Iniziamo illuminando l’oggetto con un solo punto di luce e aumentiamo le fonti di illuminazione fino ad ottenere un risultato soddisfacente. Anche nel caso di illuminazione artificiale la luce diffusa è da preferirsi a quella diretta.
Talvolta alcune ombre studiate valorizzano il lavoro, altre volte oggetti ben delineati, senza ombre inutili, risultano valorizzati.
Ricordiamo che altri fattori che incidono sulla scelta della luce sono il materiale e il colore del soggetto, un soggetto ruvido o scuro rifletterà la luce in maniera diversa rispetto ad un oggetto liscio e chiaro, stesso discorso vale per lo materiale e colore dello sfondo.
Sia che si opti per la luce artificiale che per quella naturale è da sconsigliarsi l’uso del Flash, che appiattisce le forme e altera i colori.
La funzione Macro, ormai presente in tutte le fotocamere digitali, permette di scattare fotografie nitide e ravvicinate ai nostri manufatti. E’ indispensabile utilizzarla per fotografare piccoli lavori, così come negli scatti ravvicinati, volti a sottolineare l’accuratezza dei dettagli.
Nell’utilizzare questa funzione è preferibile avvalersi di un cavalletto, spesso semplice da realizzare anche da soli; nel caso se ne sia sprovvisti, assicuriamoci di appoggiare la fotocamera su una superficie stabile o di tenerla ben salda fra le mani.
Voglio sottolineare che le fotocamere moderne danno la possibilità di premere il pulsante di scatto solo per metà, questa funzione serve per aumentare la messa a fuoco e scongiurare il rischio di foto “mosse”.
Nel caso in cui il vostro apparecchio sia datato e quindi sprovvisto di macro, è possibile avvicinare all’obiettivo una lente di ingrandimento, spesso questo semplice espediente consente di ottenere ottimi risultati.


Ricorda:
  • La fotografia è il biglietto da visita della tua arte, i clienti che non possono toccare con mano ciò che realizzi non hanno altri strumenti per valutare ciò che crei. Non lasceresti certo che una brutta foto di te in terza media ti faccia da biglietto da visita! Allo stesso modo non lasciare che brutte foto presentino le tue creazioni.
  • Fai quanti più scatti possibili cambiando l’illuminazione, lo sfondo, l’angolatura e scegli lo scatto che più valorizza iltuo lavoro.
  • Una foto che non convince te, difficilmente convincerà chiunque altro.
Un ultimo punto:
Il Fotoritocco: qualche purista potrebbe pensare che il fotoritocco sia una sorta di “imbroglio”, ma dal mio punto di vista non è affatto così. Un buon programma di fotoritocco (se ne trovano molti anche freeware) consente di apportare piccole modifiche che possono trasformare un buono scatto in un’ottima fotografia.
Le funzioni più importanti sono il bilanciamento del bianco, la saturazione dei colori, il ritaglio, il ridimensionamento e la possibilità di firmare le nostre foto, per metterle al sicuro da eventuali appropriazioni indebite.


Questo post è stato scritto alcuni mesi fa per apparire sul sito degli Artigianauti, in seguito all'articolo Blog e Creatività: primi passi già scritto per loro.
Per diversi motivi abbiamo interrotto la nostra collaborazione, per questo il post è qui :)

3 commenti
commenti
Per commentare scegli il sistema che preferisci:
commenti googleplus
commenti blogger
commenti facebook

3 commenti:

  1. sei sempre un fenomeno in queste cose!!!!!!!!! e ti prendo sempre sul serio!!! e sono pure migliorata!!! :D

    RispondiElimina
  2. Grazie mille per le drittee i preziosi consigli, ne farò sicuramente tesoro, perchè la fotografia è un aspetto che devo senza dubbio migliorare...Baci Kinà
    www.made-in-kina.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. GRAZIE anche a te!!! Sono felice di poter leggere ... e studiare ;-) anche questo post che aiuta a presentare in modo migliore le proprie creazioni eeeeeeeeee concordo che il Fotoritocco è un utile mezzo ... per chi, come me, a volte ha molta fretta e pochissimo tempo!
    Ciaoooo

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...