giovedì 9 giugno 2011

Artigianato, vendita.. annessi e connessi, vogliamo parlarne?!

Tutto è nato da un bello spunto di Alessia Scrap & Craft:


Abbiamo risposto solo in quattro, con idee più o meno simili, peccato che altre creative non abbiano colto la palla al balzo per alimentare questa discussione così interessante...

Le ragazze che hanno "dibattutto" con me la questione sono:



ha deciso di approfondire e ampliare la questione sul suo blog, con una serie di domande.

Mi piace tantissimo discutere e confrontarmi, per questo non ho perso occasione di rispondere ai suoi quesiti... e ho anche deciso di incollarti qui il mio commento..spero che andrai anche tu a dire la tua sul suo blog.. e che mi lasci detto anche qui cosa ne pensi.

Eccomi qua! Non potevo mancare all'appello! :) Anche a me ha appassionato molto lo scambio di idee nel blog di Alessia (peccato si sia esaurito presto -.-)...
Allora, vado con ordine:
1) secondo te c'è differenza tra artigianato ed artigianato artistico?
Secondo me l'artigianato è rappresentato da oggetti realizzati secondo la tradizione, portando avanti nel tempo antiche tecniche e antichi mestieri. L'artigianato artistico è la capacità di rivistare queste antiche tradizioni.. realizzando prodotti che, restando legati in qualche modo alle antiche tecniche, abbiano lo sguardo rivolto al futuro.
Vedi i tuoi lavori, ad esempio.. il macramè è artigianato... i sassi dipinti ingabbiati nel macramè sono artigianato artistico :D
2) cosa ti spinge a creare?
Mi spinge innanzitutto il divertimento! Mi diverto a creare (infatti quando sono giù non riesco a tirar fuori niente di niente!), la voglia di concretizzare qualcosa che ho in testa, la voglia di mettermi lì seduta e tirare fuori qualcosa di tutto mio, una cosa che mi faccia sentire bene con me stessa..in qualche modo "utile", l'orgoglio dei miei figli....ma il divertimento resta, fondamentale, alla base!
3) come valorizzi i tuoi lavori?
Cerco di fare foto decenti.. difficilmente riesco con uno scatto al volo.. ci vogliono tanti scatti, una selezione, un minimo di fotoritocco per correggere il bilanciamento del bianco e la luminosità (che trovo fondamentali). Cerco di essere sincera e trasparente nelle descrizioni che ne faccio sia sul blog che nei siti di vendita online. Mi concentro sul pacchetto, nel caso in cui riesca a vendere qualcosa..
4) a chi piacciono i tuoi lavori?
 A sentire le mie colleghe di Forum e le mie sostenitrici sul blog e su facebook.. beh, a tutti! Piacciono ai miei figli... in concreto non vendo mai niente.. quindi non so in realtà a chi e quanto piacciano, al di fuori dell'ambiente di creative
5) cosa ti aspetti dal tuo hobby?
 Forse quello in cui speriamo tutte quante .. che diventi in qualche modo un'attività vera e propria... Certo non pretendo (anche se mi piacerebbe :D) di aprire un negozio.. ma mi piacerebbe guadagnare dai miei lavori quel tanto che mi basta a comprare attrezzature e materiali sempre più "preziosi" (ad esempio feltro di lana al posto di quello industriale..o semplicemente una macchina da cucire!)
6) cosa si intendi per 'pezzo unico'?
Quando parlo di pezzo unico parlo di un oggetto che non sia riproducibile. A dirla tutta ogni creazione veramente artigianale è di per sé un pezzo unico, in quanto anche volendo è impossibile realizzarne una identica.. ma per pezzo unico tendo a considerare una creazione che non verrà proprio riprodotta.
7)quando devi dare un prezzo alle tue creazioni,su cosa ti basi? Recentemente ho tradotto delle guide americane che parlavano proprio di questo argomento spinoso.. e a conti fatti mi sembra che consiglino dei buoni criteri di valutazione. In linea di massima ho da poco iniziato a valutare il materiale che utilizzo, moltiplicato per 3, per l'eventuale vendita "all'ingrosso"; questa cifra moltiplicata per 1,5-2 per la vendita al dettaglio. Meglio avere un prezzo che è possibile diminuire all'occorrenza, piuttosto che un prezzo troppo basso che non da margini di guadagno.
Certo questo calcolo vale per oggetti "veloci" da realizzare. Per oggetti più impegnativi tendo a dare un valore anche "emozionale" a quello che faccio... dovrei riuscire a calcolare il tempo che impiego dall'inizio alla fine del lavoro.. ma ancora non ci sono mai riuscita.
8)secondo te,cosa pensano le persone che non hanno questo'dono' di noi?
Io non so... secondo me tante pensano "oddio che brava" anche se fai una mezza schifezza :D perché pensano che non sarebbero mai in grado nemmeno di arrivare lì, quindi se te riesci è perché sei una maga.
Altre persone secondo me pensano: "si vabbé, cosa ci vuole... io perché non ho tempo/voglia/occhissàcosa.. sennò farei certamente di meglio" -.-

Trovo prezioso lo scambio di idee fra di noi.. non facciamoci prendere dalla pigrizia!
Forza, mani alla tastiera... via!

Non vedo l'ora di leggere i commenti a tutti questi tre post(il mio, quello di Alessia e quello di Barbara)
27 commenti
commenti
Per commentare scegli il sistema che preferisci:
commenti googleplus
commenti blogger
commenti facebook

27 commenti:

  1. le tue risposte sono direi "universali" credo che fondamentalmente siano quello che ciascuna di noi pensa, vuole o vorrebbe... appena ho qualche minuto consecutivo vado a rispondere. :)

    RispondiElimina
  2. grazie!!!!...ho finito ora di rispondermi...^^..a volte chiaccherando anche così,per post e commenti,vengoni in mente idee impensate..la cosa che mi manca di più è la possibilità di un 'confronto diretto in tempo reale',come nei mercatini quando i passanti si fermano anche solo per due chiacchere sulla tecnica (o ,nel mio caso,non tecnica..^^..)usata..eh sì,mi piacerebbe ricreare qualcosa del genere anche in rete,visto che i mercatini non li faccio più per motivi familiari..una megachattata !!..
    ps.ho passato tutte le vacanze della mia infanzia alla partaccia..e ci torniamo spesso!!...:D

    RispondiElimina
  3. Anche io ho commentato sul blog di barbara...spero di non aver fatto pasticci

    RispondiElimina
  4. Ciao Ila, non sapevo di questo dibbbbattito, brevemente provo a dire la mia. Per me creare è divertimento e le idee mi vengono nei modi più disparati, ma soprattutto di notte. E anche io vorrei che quest'hobby potesse diventare un lavoro vero, anche se un lavoro vero già ce l'ho, e pure creativo, ma dopo 20 anni che lo faccio mi ha stancato. Per me creare vuol dire non fossilizzarmi su un solo stile o tipo di oggetto, ho bisogno di cambiare sempre e non rifaccio mai lo stesso oggetto perchè il divertimento per me sta nella "prima volta". Infatti in generale se mi richiedono qualcosa che ho già fatto, lo cambio almeno un po' perchè se no mi annoio. Per quello ho chiamato il mio blog unoperuno, perchè mi piace fare un pezzo unico di ogni cosa che faccio. E forse questo mi penalizza da un lato perchè forse chi riesce a camparci ha dovuto un po' serializzare il suo lavoro. Io non riesco nemmeno a dare il primer su più oggetti di seguito, perchè devo vedere l'oggetto finito prima di poter proseguire con altri! Son dispersiva, ma per me creare è soprattutto evadere e prendermi i MIEI tempi per fare le cose.

    RispondiElimina
  5. Sono di superfretta perchè sto uscendo, ma la discussione mi sembra assolutamente interessante e da approfondire.
    Ti faccio una promessa: tornerò appena ho un attimo di tranquillità assoluta da dedicare al mio hobby. :)

    A prestissimo!

    RispondiElimina
  6. @ Sasha: grazie di essere passata e aver "battuto un colpo".. aspetto le tue risposte allora :)

    @ Barbara: ho visto che abbiamo un pensiero affine e in effetti la tua idea di chat non è male... ma mi vengono in mente quelle chat che stanno in colonna nei blog.. e.. non mi fanno impazzire.. ci vorrebbe uno strumento dedicato.. ma non esiste! :D
    Cavolo! Io abito praticamente ALLA partaccia.. :D No dai, proprio alla partaccia no... ma due quartieri più giù!

    @Roberta: capisco molto bene quello che dici! Anche io difficilmente duplico qualcosa proprio per questione di noia! Poi in certi casi, magari giocando sui colori, riesco anche a fare cose praticamente uguali (lo vedrai nel mio prossimo post :D ), ma è una rarità.
    Non so come facciano le ragazze che realizzano bomboniere... O_o Per me sarebbe un vero incubo!
    Uno per uno... mi ha subito colpito il titolo del tuo blog.. e lo trovo azzeccatissimo, intelligente e nuovo! Un'ottima idea, insomma! E rispecchia in tutto il tuo modo di creare...
    Grazie di essere passata e aver detto la tua :) Aspetto le tue risposte da Barbara, allora :)

    Grazie ragazze... quanto adoto questi confronti... spero che non finiscano qui :)
    (si potrebbe anche attivare una sorta di rete fra blogger, con degli appuntamenti a cadenza regolare, dove dibattere di certi temi che ci stanno a cuore... *_* no!?) hih son già andata oltre! Ma l'idea mi stuzzica!

    RispondiElimina
  7. Grazie Marzia! Ti aspetto ;) (Buona giornata!)

    RispondiElimina
  8. Non sono mai passata dal tuo blog, è davvero molto carino. Vorrei avere il tempo per gustarmi ogni cosa invece ho fretta ... così ritornerò. Intanto divento tua follower!

    RispondiElimina
  9. Grazie Monica! Per la visita, i complimenti e il commento lasciato nonostante la fretta!
    Ho sbirciato anche il tuo neonato blog e sono incuriosita dalle tue passioni (che belli i tuoi gioielli)..
    Insegni lettere... uimmena, così magari mi correggi gli strafalcioni! :P
    A presto!

    RispondiElimina
  10. ciao ila, son di nuovo qui. mi piace molto l'idea di una specie di collettivo creativo! io ci sono! :)

    RispondiElimina
  11. Eccomi eccomi! :)))
    Diamo il via alla riflessione... :P

    Mi trovo d'accordo con quanto è stato scritto, sia qui da te che sul blog di Alessia.
    Io sono ancora nuovissima dell'ambiente (negozietti on-line, community, ecc.) e sto cercando di entrarci in punta di piedi solo nell'ultimo periodo.
    E' ormai però dal 2007 che creo e che osservo il mondo dell'artigianato (spesso da spettatrice) e ho notato una cosa: si confonde l'oggetto unico -e per questo "prezioso"- con l'oggetto riprodotto in serie.
    Le persone che non conoscono la tecnica non hanno purtroppo un occhio critico... manca, secondo me, un po' l'educazione all'attività manuale, alla qualità e non alla quantità.
    E' proprio qui, secondo me, il fulcro della situazione: bisogna scegliere tra le due cose.

    I siti di vendita sono un po' lo specchio di questa situazione... e qui mi ricollego al post di Alessia.

    RispondiElimina
  12. Creare è puro divertimento! io vendo poco o niente eppure continuo a creare per passione e voglia di fare! La creatività non si ferma mai! Mi sono piaciute molto le domande e anche le risposte. Complimenti per il blog. Io ti seguo spero anche tu. ti aspetto su divinabagandbijoux.blogspot.com

    RispondiElimina
  13. Grazie Marzia :)
    Concordo con il tuo distinguo fra pezzo unico e pezzo in serie (ancorché artigianale).
    Insomma, mi piacerebbe sapere di cosa potremmo parlare al prossimo "dibattito craftoso" idee?
    :) Quasi quasi metto un sondaggio..
    Gli argomenti sono molti :)

    RispondiElimina
  14. Propongo un argomento che mi sta a cuore perchè ho visto che è una paura molto diffusa: essere copiate.

    Recentemente ho avuto un brutto malinteso con un'amica e la cosa peggiore è che non sono riuscita a chiarirlo (non per mia volontà, io ho fatto di tutto per risolvere la cosa).

    Questa mia amica (ex a questo punto) è letteralmente ossessionata dall'essere copiata. Certo è una cosa che capita, ma è anche vero che esiste talmente tanta roba in giro che a volte capita anche di pensare in modo analogo o di essere anche inconsciamente condizionati.

    Io non mi sono mai preoccupata più di tanto di questo anche se alcune cose che creo le registro su myfreecopyright.com, però sono cose che ho creato completamente, componenti compresi.

    Ve la faccio breve: quest'amica mi ha accusata di averle copiato lo stile (!!!) e per dire questo si è basata su una "sensazione".... io rifiuto categoricamente questa accusa e le ho spiegato a lungo perchè si sbaglia, ma a nulla è valso.

    La domanda è: voi su cosa vi basate per stabilire senza ragionevoli dubbi che qualcuno vi ha copiate? e come vi ponete rispetto a questo problema? Lo sentite come tale? Registrate e proteggete in qualche modo le vostre opere?

    RispondiElimina
  15. Bello Roberta! Ma che facciamo? Poni questo quesito sul tuo blog? Potremmo fare una cosa a girare, così da creare una rete di blog.. magari potremmo dare un titolo alla cosa, fare un bannerino, scegliere un giorno fisso della settimana per pubblicare la questione...
    XD oddio fermatemi!

    RispondiElimina
  16. Non saprei come gestirlo, probabilmente dovremmo creare un forum. Domani ci penso. SmAck!

    RispondiElimina
  17. Potremmo anche aprire un blog collettivo. Domani ci ragiono.

    RispondiElimina
  18. :D Mammamia... forum no! Mi basta e avanza ArtigianalMente! Anzi, perché non vieni a trovarci? Per il blog collettivo.. ci stavo pensando anche io.. mica male come idea! :)

    RispondiElimina
  19. Blog collettivo allora:) ma intanto? Posto da me?

    RispondiElimina
  20. Ora sto partendo, ma nel pomeriggio vedo di farlo. buona giornata!

    RispondiElimina
  21. Sono in ritardoooooooo! spero di farcela oggi!!!

    RispondiElimina
  22. Ma tranquilla! :) Anzi, se lo fai giovedì abbiamo trovato la data fissa settimanale XD ;)

    RispondiElimina
  23. Ragazze, se avete voglia di partecipare a un nuovo quesito andate qui: http://unoperuno.blogspot.com/2011/06/non-copiare-inventa.html

    RispondiElimina
  24. Risposto.. scusa ma ieri avevo scritto un papiro.. me lo ha cancellato nell'inviarlo.. sgrunt! Mi è preso male a scriverlo di nuovo! :P
    ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...